« hidden from the traffic | Principale | conversations »

24/01/2007

Commenti

Maurizio Goetz

La tua analisi equilibrata mi trova d'accordo, perchè supera gli eccessi ideologici da una parte e pubblicitari dall'altra. E' questione di maturità e di equilibrio.

palmasco

C'è in giro molto interesse per i barcamp.

A Roma ho notato una maggiore ansia di proporre la propria presentazione, rispetto al primo barcamp di Milano, sotto questo aspetto molto più fluido.

Non credo che servano regole, ma l'interesse che si è suscitato andrebbe sostenuto da ragionamenti consapevoli.

E' impossibile parlare di idee senza riferirsi ai prodotti che ne derivano; non è pensabile continuare a negare ancora l'aspetto circolatorio, quindi conversativo, del denaro.

Andrea Cuius

Prima di tutto mi chiamo Andrea e non Antonio.

Ma forse con tutto quello che avete detto questo è il meno.

Prima di tutto, io non cerco nessun finanziamento, mi sto pagando tutto di tasca mia senza chiedere niente a nessuno.
tutta l' applicazione è stata fatta da me e se al barCamp qualcuno non la voleva poteva anche alzare la manina e parlare, inoltre mi sembra di non aver costretto nessuno alla mia presentazione.

Scusate ma non riesco a capire qual'è il problema, io non son venuto li ne per far soldi ne per cercarli ho semplicemente presentato un mio progetto personale prima di tutto e poi se andrà bene allora forse si sarà anche commerciale visto che mi è costato mesi di lavoro.
Per ora resta un' idea, tra l'altro non è nemmeno online e non capisco come si possa solo pensare che sia venuto al barCamp per promuovere una cosa che ancora non c'è. Volevo semplicemente presentarlo, mostrare come l' ho fatto, perchè e avere feedback tutto li.

Inoltre nel caso di future discussioni siete pregati di contattarmi visto che parlate di me.

Saluti Cuius Andrea

anonymous

@palmasco: Forse queste conclusioni sono corrette, forse non lo sono, per quanto in buona fede. Ma trarle da una conversazione privata, peraltro "informale e rilassata", e parlarne di fronte al web e alle spalle dell'interessato, non è una grande dimostrazione di rispetto per la persona. Spero che tanta attenzione per lo "spirito del BarCamp" non ci faccia dimenticare quella, più importante, per i rapporti umani.

palmasco

Ciao Andrea,
mi scuso per aver sbagliato il tuo nome.
Per fortuna vedo che anche a te capita di non essere proprio preciso:-) a meno che tu non sia di quelli che usano ancora rivolgersi agli altri col voi invece che il tu, ma non credo. Il blog qui lo scrivo da solo, basta rivolgersi a me.
Dunque benvenuto tra noi peccatori.

Leggo il tuo commento come una conferma di quanto ho scritto.
Sono stato piuttosto accurato infatti, ed ho scritto chiaramente che non credo che le tue intenzioni siano così chiaramente commerciali come i mezzi che hai (goffamente) usato. Qui lo confermi.
Ho accennato simpaticamente alla goffezza del tuo linguaggio paracommerciale, credo che il tuo commento chiarisca che è così proprio a causa di intenzioni ancora confuse e una certa timidezza ad accettare la sfida del successo commerciale.

Ti ringrazio per essere intervenuto, spero che continuerai a seguirmi, palmasco

Andrea Cuius

Ho detto voi perchè ci sono anche alcuni commenti a riguardo.
Mail e commenti si li scrivo male ma per il semplice fatto che sono sempre troppo di fretta.

Rimane il fatto che continuo a non capire.

Non capisco cosa intendi per linguaggio commerciale per mezzi che ho goffamente usato, lo capisco ancor meno quando dici che non hai nemmeno seguito la presentazione. Su una cosa ti do ragione, timidezza, quella si al barCamp un po l' ho avuta.

Sinceramente mi ha dato abbastanza fastidio questo articolo, non per l' accusa, ma poichè sono state fraintese tutte le motivazioni che mi hanno spinto sia a creare il sito sia a presentarlo al romeCamp.

Saluti Andrea

palmasco

Anonimo abbiamo postato praticamente in diretta. Rispondo qui.

La conversazione con Andrea è stata informale e rilassata, ma non privata - come sottolinei a torto, ma forse soltanto per tirami le orecchie.
Inoltre è stata interamente sul tema della sua applicazione, quindi è buffo sentirti ipotizzare che io l'abbia "tradito".

Infine è già difficile in generale accettare le lezioncine di comportamento, figuriamoci da quei campioni dei rapporti umani che si nascondono dietro l'anonimato.

palmasco

Caro Andrea,
la conversazione qui è scivolata verso una piega imprevista e non del tutto gradevole.
Me ne dispiace, ne prendo la responsabilità, ma francamente ne sono sorpreso.

Se non ho capito male tu non stai a Roma. Uno non fa qualche ora di viaggio e vince la sua timidezza per presentare un'applicazione un centinaio di persone, oltretutto basata su un servizio, se non per ragioni commerciali. Che lo sappia o meno, che lo ammetta o meno, che se lo voglia dire o preferisca nasconderselo, è così.

Ti ricordo che "commerciale" non è un insulto; che esiste una via commerciale open source e gratuita, ma pur sempre di un modello commerciale si tratta; che anche il solo ricevere dei feed back, come tu dici di volere, ed io ti credo, si basa su un'economia di scambio e quindi commerciale.
Né vedo come potrebbe essere diversamente.

Volere far valere a tutti i costi le proprie intenzioni supposte nobili, contro altre supposte ignobili perché basate sullo scambio, è tipico di una confusione interiore sulle proprie intenzioni che mi confermi essere la tua, confusione che conduce fatalmente a comportamenti goffi.
Goffi come quello di prendersela con me, l'unico che bene o male ha parlato della tua applicazione, almeno che io sappia e consultando blogbabel, per quanto da un punto di vista indipendente e del tutto incondizionato.
Poco male.

Se non ti dispiace diciamo che l'occasione è stata sprecata e lasciamo da parte la discussione un po' sterile sulle tue motivazioni. In fondo l'oggetto del mio post è la presentazione di un'applicazione in un mercato basato sulla partecipazione a titolo personale.
:-)

Andrea Cuius

Vedi il punto è che stai parlando di cose che non sai e questo te lo dico senza offesa, la nostra conversazione al barcamp ha riguardato esclusivamente la parte funzionale del sito e non puoi permetterti di parlare delle mie motivazioni e intenzione per il semplice fatto che non le conosci visto che non me le hai nemmeno chieste.

Io non me la prendo ne con te ne con le critiche che tra l'altro sono l' unico modo per crescere, degli elogi me ne faccio ben poco, mi da fastidio che al posto di criticare la mia applicazione ti sei messo a criticare le mie intenzioni.

E comunque forse c'è ancora qualcuno che si alza alla sei di mattina per prendere un treno per il semplice piacere di voler, dopo mesi di lavoro, esporre le proprie idee, per avere finalmente un riscontro e essere in parte ripagato dalle impressioni della gente.
Facendo due chiacchiere un po con chiunque l' impressione è stata quella che questa era la filosofia dei partecipanti del barCamp di Roma

Poi ovvio che la mia applicazione se andrà bene e sottolineo SE visto che è ancora offline, avrà anche un ritorno economico ma non vedo perchè per questo motivo dovrebbe essere fuori posto ad un evento come il barCamp. Inoltre se per "commerciale" intendiamo qualche cosa dove ci girano sopra i soldi allora avresti fatto bene a dare un' occhiata anche agli altri interventi perchè la stragrande maggioranza era "commerciale", partendo dal network di Robin Good, dove i soldi già ci girano e anche parecchi, ai libri elettronici di Tombolini, o anche a quel sistema di tags presentato da non ricordo chi(e me ne scuso è stato molto interessante). Tutte queste cose se svolte in un certo modo sono commerciali ma non per questo meno interessanti.


ah visto che ora lo sai, ti chiedo gentilmente di correggere il mio nome nel post.

Saluti Andrea

palmasco

OK.

I commenti per questa nota sono chiusi.

New York

Los Angeles

La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 02/2004

shinystat