« personal belongings 14 | Principale | l'attesa »

12/10/2005

Commenti

Effe

cioé, Palmasco non può smettere di essere Palmasco?

zwie

Il Palmasco che pensa 'basta che non esci' è quello nello specchio o quello che guarda Palmasco nello specchio?
E quale Palmasco è quello che è uscito dal blog sempre aperto? :)

palmasco

ok, mea culpa ( - solo lingue straniere questo pomeriggio, Palmasco? - )

Ho voluto scrivere, in modo esageratamente complicato, il disagio di non avere aggiornato il blog, paragonando tale disagio all'impressione che ti fa, guardandoti una mattina allo specchio, un vestito che non ti si chiude più perché sei ingrassato, sensazione che ti lascia, come unico salvagente da opporre al disastro, la felicità infantile di perdere tempo a farti faccette allo specchio, modo talmente complicato che non ha funzionato.

Siccome però la lettura è attività fondamentalmente precisa, mi pare che voi due, fini lettori, vi siate sintonizzati sul vero cuore del mio post, e cioè l'inutile complicazione, a questa rispondendo giocosamente in modo da complicare ancora di più, finché io stesso, a questo punto, non lo riconosco più.

Nel post invece volevo dire, mi pare, che a volte Palmasco è talmente tanto che nel blog non ci sta - ma tanto di che? di anima forse? - allora se ne sta zitto in un angolo senza più uscire, cioè senza aggiornare ("uscire" nel senso in cui si dice, per esempio: è uscito L'Espresso?).
Questo volevo dire, mi pare, e a rileggere mi pare che sia stato scritto, sia pure tra le cose che invece ci avete visto voi, ma ne possiamo discutere.
Non lasciatevi scoraggiare, peraltro, dalla sostanziale ironia: il vostro intervento è stato gradito e credo anche recepito.

Cordialità sparse, p

Effe

ma infatti - credo - è il blog che sta dentro Palmasco, e non viceversa.
Di Palmasco, talvolta, vediamo dentro al blog una mano, o una scarpa.
Un guanto.
Il volto, quasi mai.

llu

io forse apro una stanza di affetti personali

palmasco

Del resto, effe, parlare un attimo prima o un attimo dopo la presenza degli altri, e cioè parlare senza vederci, non è proprio la condizione richiesta e garantita dal mezzo che abbiamo scelto?
(non credo che bloggherei se il blog fosse una specie di citofono su scala mondiale)

E mentre apri la stanza tu come ti vedi, Llu, a tirare la porta oppure a spingerla, dentro o fuori la stanza?

llu

io mi vedo all'aperto in un campo :)

I commenti per questa nota sono chiusi.

New York

Los Angeles

La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 02/2004

shinystat