« la mamma d'airin | Principale | thalassa »

15/01/2006

Commenti

demetrio

questo racconto è molto importante e lo voglio commentare alla fine.

d.

Effe

ma, intanto, e per via di certi ritmi: non è che sia per caso la traduzione di un tuo lavoro originariamente scritto in inglese?

palmasco

Ok Dem, mi sembra giusto e perfettamente naturale :-) (voler aspettare la fine del racconto, non il giudizio...)

Effe no, qui metto soltanto carne freschissima.
E' vero che c'è una voglia rinnovata di rinnovare la mia scrittura, voglia rinata recentemente negli States quindi pensata in inglese, forse, da cui forse la sfumatura di cui mi parli; oppure forse è possibile che la voglia di rinnovamento sbilanci un po' quello che scrivo e lo faccia suonare straniero, non so.
ciao a tutt'e due, palmasco

Effe

non straniero, però diverso sì.
Dicevo che c'è un ritnmo che mi sembra obbedisca ad altre sintassi, ma forse non è la lingua, è l'intenzione, è la consapevolezza.

I commenti per questa nota sono chiusi.

New York

Los Angeles

La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 02/2004

shinystat