« leggendo la sfera | Principale | le discese ardite/ e le risalite »

17/11/2004

Commenti

untitled io

un lungo commento qui:
http://ioepalmasco.blog.tiscali.it/fn1698653/

Effe

ma quindi: la storia "si" scrive da sé mentre tu ne scrivi?
Dico: inseguire la storia E' la storia?
E nelle due dimensioni, quella fisica e quella narrata (volutamente non ho usato i termini "reale" e "immaginata") la storia scorre alla stessa velocità?
O ci sono progressioni diverse?
La storia accade, continua ad accadere, e DOPO tu la racconti, oppure ne immagini la svolta, la scrivi e DOPO la cerchi per strada?
E le storie, allora, sono una sola, sono due (tre, con me che la/le leggo)?

gino tasca

Dice Effe:
"E nelle due dimensioni, quella fisica e quella narrata (volutamente non ho usato i termini "reale" e "immaginata")"
E se scopo di Palms fosse di dimostrare che il narrato è il reale e la dimensione fisica quella immaginata?
Ci pensi un po' su.

Effe

in più, e di seguito: Palmasco stesso - lui, le sue storie, lui che scrive storie - è una storia raccontata da un autore occulto?

I commenti per questa nota sono chiusi.

New York

Los Angeles

La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 02/2004

shinystat