« sorrisi vari, filosofie | Principale | diffondo »

06/06/2004

Commenti

demetrio

ero al parco. Due domeniche fa.
E c'era un bambino (avrà avuto tre anni scarsi), che andava sul suo triciclio.

Era incredibile.

Aveva una pedalata agile, e impostava le curve così da non smettere di pedalare.

Era veramente commovente. Nel gesto e nella naturalezza con cui faceva tutto questo.
Un mio amico vedendo questo ragazzetto ha detto: - Se avessi un figlio così, lo metto su una moto e mi diventa un campioncino.

Io ho osservato il piccolino dare un colpo ai pedali, alzandosi in piedi, in un piccolo - per me, ma per lui immenso - dislivello del giardino e ho detto: - No, secondo me è nato per stare in bici.

Tornando a casa, ho pensato questa la racconto a palmasco.

ho fatto.
dixi
d.

palmasco

Ah bé... sarebbe bello se arrivassero qui altre storie di bicicletta, se pensando a palmasco fossero salvate dal nulla.
Al ragazzino che hai visto al parco auguro di scoprire la bicicletta con la stessa passione che mostra per il triciclo, gli darà un sacco di soddisfazioni.
ciao

rose

palmasco sta informando la nostra percezione della bici: anch'io, constatando in questi giorni la passione per i passi dei ciclisti, in trentino e veneto, ho pensato alle loro ruote sottili.
a passo rolle c'erano più motociclisti, stranieri, non era il fine settimana. ma al passo di xomo, domenica mattina, erano in tanti. ci siamo fermati al remo blues bar dopo essere scesi dal rifugio papa, e i ciclisti erano tutti lì, nelle loro variegate età e sfumature della maglietta. dai magrolini fatti di fil di ferro a un capellone biondo col polpaccio tatuato.
ma quello che mi è rimasto in mente è il simpatico baffo in giallo che in mountain bike saliva la strada degli scarrubbi mentre noi la scendevamo a piedi. l'abbiamo avvisato che andava incontro alla neve - la primavera è in ritardo quest'anno in montagna - e infatti poco dopo ci ha raggiunto tornando indietro. e si è fermato, e nel dirci quanto ama il pasubio, che scala in bici almeno tre volte l'anno, e nell'accennare alle memorie dolorose quel monte, si è un po' commosso. è proprio un luogo di pace, ha detto.

I commenti per questa nota sono chiusi.

New York

Los Angeles

La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 02/2004

shinystat